Etiopia

2000px-Flag_of_Ethiopia.svg.png
et-map.gif

L'Etiopia non assomiglia a nessun altro luogo del pianeta, grazie a una storia che non ha eguali, una favolosa fauna selvatica e un popolo caloroso.

Luoghi da vedere

Senza dubbio la città etiope più affascinante, Harar è una meraviglia da esplorare. Perdersi nel dedalo delle sue viuzze è affascinante quanto visitare i tanti musei, i mercati e le case tradizionali stipate dentro l'antica cinta muraria.

Ammirare dal vivo le chiese rupestri di Lalibela è un esperienza unica.

Il lupo etiope è il canide più raro del mondo, ma sui Monti Bale riuscirete certamente a vederlo.

Gole profonde e uno scenario montano scolpito in bizzarre forme dentate così incredibili che se li vedeste in un dipinto dubitereste della loro esistenza: sono i monti Simien.

Nascoste come un tesoro perduto da tempo in una terra semidesertica, le antiche chiese rupestri del Tigrai sono l'emozionante controparte montana delle più famose chiese di Lalibela.

Gondar è uno scrigno di tesori storici. Le mura della cittadella imperiale racchiudono palazzi medioevali e antiche leggende.

La Depressione della Dancalia è una zona vulcanica attiva caratterizzata da un lago di lava permanente e da una vasta distesa di rocce sulfuree gialle e arancioni.

Addis Abeba si sta modernizzando velocemente. Rumorosa e trafficata, la capitale etiope gode di un clima temperato, che regala cieli sgombri da nubi per circa 8 mesi l'anno.

La bassa valle dell'omo è una crocevia culturale di grande importanza: le tradizioni dei popoli della valle hanno radici profonde.

Specialità

Injera
Injera

Piadina.

press to zoom
Wat
Wat

Stufato.

press to zoom
Kitfo
Kitfo

Carne tritata.

press to zoom
Tere sega
Tere sega

Carne cruda.

press to zoom

Quando andare

Alta stagione

Gennaio-Marzo

Bassa stagione

Media stagione

Ottobre-Dicembre

Aprile-Settembre

Mezzi di trasporto

volo_iStock-155380716.jpg

Aereo

Spostarsi in aereo consente di risparmiare tempo. La compagnia di bandiera garantisce un'ampia copertura e ha un elevato standard di sicurezza.

download (1).jpg

Autobus

Optate per le compagni private più recenti, che offrono un servizio migliore e mezzi confortevoli.

download.png

Auto

Anche se costa, vi consigliamo di noleggiare un fuoristrada con autista. Con un proprio mezzo ci si ferma quando si vuole e non ci sono tempi morti; Informatevi bene.

Informazioni per il vostro viaggio

Moneta e Lingua

La lingua principale è l'amarico.

La valuta nazionale è il Birr etiope indicato con il simbolo "Br" o "ብር "-

Sicurezza

L'Etiopia è un Paese relativamente poco criminale rispetto a Kenya, Messico e Sudafrica.

Evita di viaggiare nella parte orientale del paese oltre la città di Harar. I gruppi separatisti somali lanciano occasionalmente attacchi di guerriglia. 

La criminalità organizzata e la violenza delle bande sono molto insolite in molte parti del Paese. 

È sconsigliato recarsi nella regione di Gambella, nell'estremo ovest dello Stato, ove si segnalano tensioni tribali e un flusso di profughi

Rispetto ad altri Paesi africani, la rapina non è un fenomeno diffuso nelle città e nei villaggi. Tuttavia i viaggiatori sono invitati a prendersi cura delle loro cose. I viaggiatori dovrebbero essere cauti in ogni momento quando viaggiano su strade in Etiopia. Ci sono state segnalazioni di rapine in autostrada, tra cui furti d'auto da parte di banditi armati fuori dalle aree urbane.

Per il resto l'Etiopia è un Paese relativamente stabile. Addis Abeba è stata sinora ritenuta una meta sicura per i turisti.

Gli incidenti stradali, sia per i pedoni che per i passeggeri/conducenti di veicoli sono comuni. L'Etiopia è uno dei luoghi più pericolosi al mondo in cui guidare. Questi incidenti sono spesso fatali. I pedoni camminano spesso in mezzo alla strada senza guardare, i veicoli non usano specchi e le corsie di traffico sono più una linea guida che una regola. È altamente consigliabile assumere un autista e viaggiare nel veicolo più grande possibile, per massimizzare la sicurezza. Tenere sempre le porte bloccate e non abbassare i finestrini per evitare che i mendicanti possano infilarci le mani; distrarre il conducente mentre si ruba dal finestrino del passeggero è una tattica comune.

Requisiti d'ingresso

Tutti i visitatori devono ottenere un visto di ingresso.

Il passaporto deve essere valido per almeno 6 mesi dalla data di arrivo e deve avere almeno una pagina vuota.

A partire da aprile 2018 è necessario indicare il luogo di residenza previsto e il numero di contatto per ottenere un visto. Nulla sembra essere controllato, quindi in pratica qualsiasi indirizzo dell'hotel e numero di telefono dovrebbe essere sufficiente. Tuttavia, se non è possibile fornire un indirizzo e un numero di telefono, gli addetti si rifiutano di elaborare i documenti del visto.

La vaccinazione per la febbre gialla è necessaria solo per i viaggiatori provenienti da specifici Paesi africani.

Situazione Sanitaria

Non bere l'acqua del rubinetto. È piena di parassiti e generalmente gli hotel raccomandano agli ospiti di non berla, né di mangiare insalate e cibi non cotti che di solito vengono lavati con acqua di rubinetto. Questo vale anche per il ghiaccio, a meno che non sia distillato, o ci si trovi in un hotel occidentale di una grande catena come Sheraton, Radisson Blu o Hilton. L'acqua in bottiglia per bere è disponibile quasi ovunque in bottiglie di piccole, medie e grandi dimensioni: i marchi più noti sono Sì (acqua naturale) e Ambo (acqua frizzante). Assicurati di bere abbastanza, soprattutto quando fa caldo.

Il rischio di malaria è alto nell'estremo sud-est del Paese, nelle regioni lacustri e nelle pianure. Mentre il rischio di malaria è basso o inesistente nella capitale e negli altipiani come anche nei viaggi nel nord e nel centro del Paese che solitamente prevedono itinerari oltre i 1.500/2.500 m sul livello del mare, altezze dove la zanzara portatrice della malaria difficilmente vive. 

Gran parte dell'Etiopia è ad alta quota. In quelle zone le persone non abituate a respirare aria più rarefatta potrebbero avere difficoltà a muoversi fin da subito. Si consiglia di concedersi alcuni giorni per acclimatarsi all'aria.