India

280px-Flag_of_India.svg.png
Map_India.png

Antiche tradizioni, un ricco patrimonio artistico, paesaggi spettacolari, delizie per il palato: l'India è un complesso mosaico che accende la curiosità, stimola i sensi e riscalda l'anima di chi la visita.

Luoghi da vedere

Lo squisito Taj Mahal è un monumento tanto all'amore quanto alla morte, è probabilmente l'edificio più bello del mondo.

Magnifica, anche se in rovina, Hampi era un tempo la capitale di un potente regno hindu. Sparsi tre paesaggi verde smeraldo e terracotta rossiccia, i suoi templi e palazzi reali si adattano in modo sublime.

In Ladakh, le novità culturali sono sempre arrivate non via mare ma attraverso i passi montani. Qui regna il buddismo tibetano, e monasteri a più piani emergono da rupi scoscese tanto poeticamente quanto il sole che sorge sul Khangchendzonga.

A Varanasi, una delle città sacre più venerate dell'India, c'è tanta vita quanto morte. I pellegrini giungono numerosi per visitare i templi, immergersi nel sacro Gange o cremare i loro cari.

Le Grotte di Ajanta sono state costruite da i monaci, erano dotati di un certo gusto per l'effetto scenico. I 30 santuari e monasteri scavati nella roccia punteggiano una parete a forma di ferro di cavallo e in origine avevano scalinate individuali che scendevano al fiume.

E come essere capitati in un sogno, quando si navigano senza fretta le backwaters del Kerala, forse lo stato indiano più rilassato: 900 km di fiumi, laghi e scintillanti lagune, collegati tra loro e orlati da fitte macchie di svettanti palme di cocco.

Le spiagge di Goa con palme oscillanti su un lato della sabbia bianca come zucchero e onde azzurro cipria che lambiscono dall'altro, le belle spiagge di Goa hanno, come in nessun altro luogo in india, un'atmosfera di divertimento senza regole.

Jaisalmer sorge come un castello di sabbia dalla "terra dei re", Il Rajasthan: questa cittadella del 12 secolo sembra nata da un sogno.

Delhi è la capitale dell'India è disseminata di vestigia degli imperi passati, dalle tombe moghui alle sontuose dimore coloniali.

Specialità

Barfi
Barfi

Dolci a base di latte e caramello.

press to zoom
Chaat
Chaat

Spuntino salato, a volte condito con chaat masala.

press to zoom
Dhansak
Dhansak

Piatto parsi; carne, di solito pollo o agnello, con curry di lenticchie, zucca e riso.

press to zoom
Falooda
Falooda

Bevanda al gusto di rose con latte, panna, frutta secca e vermicello di pasta.

press to zoom
Gulab jamun
Gulab jamun

Frittelle tonde imbevute in sciroppo di rose.

press to zoom
Idii
Idii

Morbidi tortini di riso fermentato tipici dell'india del Sud.

press to zoom
Jalebi
Jalebi

Riccioli di pastella arancione fritti e imbevuti di sciroppo di zucchero; si servono caldi.

press to zoom
Kulfi
Kulfi

Gelato aromatizzato dalla consistenza solida.

press to zoom
Lassi
Lassi

Bevanda a base di yogurt e acqua ghiacciata.

press to zoom

Quando andare

Alta stagione

Media stagione

Bassa stagione

Novembre-Marzo

Luglio-Ottobre

Aprile-Giugno

Mezzi di trasporto

volo_iStock-155380716.jpg

Aereo

Il settore aereo è molto competitivo e ogni anno trasporta un numero impressionante di passeggeri.

Treno-Monaco-Rimini.jpg

Treno

Un viaggio in treno è un'esperienza imprescindibile di ogni soggiorno in India. In treno è  più tranquillo che in autobus ed è consigliabile soprattutto per le lunghe distanze che comprendono la notte. La rete ferroviaria indiana è una delle più estese al mondo.

download (1).jpg

Autobus

Gli autobus vanno ovunque; alcune destinazioni sono servite 24 ore su 24, ma le corse di lunga distanza possono avere anche solo uno o due autobus al giorno.

Informazioni per il vostro viaggio

Moneta e Lingua

La valuta nazionale è la Rupia indiana (INR). 

La lingua principale è l'inglese.

Sicurezza

In tutto il Paese si possono verificare terremoti; la regione settentrionale del Paese è da considerare particolarmente a rischio. Tsunami scaturiti da sismi nell’area del sudest asiatico possono raggiungere anche l’India.

Durante il monsone estivo (da giugno a settembre/ottobre) sono frequenti intense precipitazioni, che possono provocare inondazioni, frane e valanghe di fango e detriti che causano danni alle infrastrutture. In particolare nelle vicinanze dei fiumi la situazione può cambiare molto rapidamente.

La costa orientale è regolarmente colpita da violenti uragani (soprattutto da ottobre a dicembre) che provocano allagamenti e devastazioni.

La circolazione può subire disagi per lunghi periodi. Si raccomanda di rimanere in contatto con la propria agenzia di viaggi e di prestare attenzione alle previsioni meteorologiche nonché agli avvisi e alle direttive delle autorità locali. 

Durante i percorsi di trekking farsi accompagnare da una guida locale esperta.

I sintomi del mal di montagna non vanno sottovalutati nell’Himalaya.

Requisiti d'ingresso

Nella maggior parte dei casi è necessario ottenere il visto, che va richiesto sul sito ufficiale relativo.

Per i cittadini Italiani serve il Passaporto con validità residua di almeno sei mesi e visto d'ingresso.

Il visto per l'India si richiede a Milano

Situazione Sanitaria

In India la situazione sanitaria è piuttosto delicata. Le malattie più pericolose che potreste contrarre sono la malaria, come pure dengue e chikungunya, che vengono trasmesse dalla puntura di zanzara, e il virus H1N1, che provoca l’influenza suina.